image
image Contact Listing Owner Contact Now!

Imaginarium ha rappresentato al suo arrivo a Firenze una ventata di aria fresca, una realtà nuova nel mondo dei balocchi e dei negozi di giocattoli, troppo pochi e poco “particolari” se vogliamo, rispetto all’offerta presente in altre città europee. L’idea del “giocattolaio” a Firenze è rimasta legata per anni alla bottega del signore dove ti fermavi a volte dopo la scuola per comprare un premio perché eri stato bravo/a dal dentista o per un regalo per la festa di compleanno dell’amichetto/a. Quegli spazi talvolta bui, con i giocattoli maldisposti e pure polverosi. Per ovviare alla scelta spesso costosa e limitata che questi negozi offrivano, si andava allora ai supermercati o agli ipermercati e si sceglieva tra scaffaloni pieni di scatole che ti riempivano gli occhi.
Ma Imaginarium ha rappresentato prima di tutto uno spazio dove i bambini possono muoversi in tondo, liberamente, tra le isole disposte al centro del negozio e gli scaffali ai lati ed esplorare, toccare, osservare giocattoli ad altezza dei loro occhi e delle loro mani. La piccola porta a fianco di quella degli adulti che ti dà accesso al mondo incantato di questo locale dai toni del bianco e dell’azzurro (come il logo stesso del marchio), già indica l’attenzione ai piccoli, ai veri clienti. I prodotti sono tutti del marchio Imaginarium e sono suddivisi per età fino ai 36 mesi e poi, crescendo, per per aree tematiche come giochi manuali, musicali, natura e scienza, sport, bambole e macchinine, e tante idee per i giochi all’aria aperta, per indicarne alcuni.
Carina e diversa nel suo genere la possibilità di arredare le camere in modo divertente e colorato, con le soluzioni proposte per le camerette.
Quello che mi piace meno da Imaginarium rispetto ad altre marche di giocattoli, in quanto mamma attenta alla scelta di materiali naturali e poco trattati, è il fatto che si tratta sempre di prodotti in plastica. Inoltre, neppure la “grafica” dei personaggi e bambolotti ha mai particolarmente stimolato la mia simpatia. Si tratta di una questione di gusti, anche se devo dire che neppure i miei bambini hanno mai insistito troppo per farsi comprare quel particolare giocattolo o quella macchinina quando ci capitiamo. Una cosa poi va detta: i prezzi non sono proprio abbordabili, trattandosi anche di giocattoli per lo più fatti di plastica.

Voti e recensioni

Vota questa attività

angry
crying
sleeping
smily
cool
Cerca

Scrivi una recensione di almeno 140 caratteri

You agree & accept our Terms & Conditions for posting this review?

image

image

Tabella opzioni privacy

Necessari

Per funzionare questo sito ha all'interno del suo codice alcuni cookies, che permettono ad esempio di avere un account utente, di salvare i tuoi luoghi preferiti, di inserire un commento, di condividere i nostri post sui social.

wordpress