La città è dei bambini.

 
 


 
Da non perdere
 

 

Gita all’Acquario di Genova, tra pinguini e caruggi

 
Acquario di Genova
Acquario di Genova
Acquario di Genova

 
Panoramica
 

Durata Della Gita:
 
Info: www.acquariodigenova.it | www.lacittadeibambini.net | www.quarto-piano.it
 
Dove: Liguria
 
Quando: Tutto l'anno
 
Come: Nessuna attrezzatura o abbigliamento particolari
 
Perché: Una gita invernale azzeccatissima, un'ottima occasione per visitare l'Acquario più grande d'Italia. Il cuore di Genova è accogliente e perdersi per i suoi vicoli è un salto nel passato
 
Divertimento
 
 
 
 
 


 
Natura
 
 
 
 
 


 
Didattica
 
 
 
 
 


 
Relax
 
 
 
 
 


 
Voto
 
 
 
 
 
4.5/ 5


Voto dei lettori
12 voti dei lettori

 

Pollice su


Lo scorso luglio 2013 è stato inaugurato il Padiglione dei Cetacei, costituito da quattro imponenti vasche a cielo aperto per osservare i delfini. I caruggi, l'ospitalità e la genuinità genovese, l'attenzione costante per i bambini. La terrazza del b&b ha una vista mozzafiato

Pollice giù


Unico aspetto negativo è il costo del biglietto dell'Acquario, piuttosto alto: vale la pena controllare le promozioni sul sito o alcuni sconti promozionali di Trenitalia, Coop o Esselunga. Il b&b si chiama Quartopiano proprio perché... è al quarto piano di un'antica palazzina! Purtroppo non ha l'ascensore


In breve

Visitare l’Acquario di Genova è una tappa obbligata per ogni famiglia con bambini, ma è anche un’occasione ideale per visitare una città magica e perdersi tra i suoi caratteristici vicoli

5
Pubblicato il 21 aprile 2016 da

 
La recensione di Firenze Kids:
 
 
E

ra da tempo che volevamo portare nostra figlia a Genova… sarà perché è cresciuta con le ninne nanne di Fabrizio De André, sarà perché non ci siamo mai perdonati di esserci persi un incontro con Don Gallo qui a Firenze qualche anno fa o perché il desiderio di visitarla per bene dopo il 2001 non ci ha mai abbandonato… fatto sta che la città dei caruggi ci è rimasta nel cuore e aspettavamo solo l’occasione giusta… il suo terzo compleanno appunto! Basta digitare “Genova e i bambini” su Google e quello che ripetutamente salta all’occhio è l’Acquario di Genova con le sue meraviglie.
Quindi partenza destinazione Acquario!
Siamo partiti da Firenze un sabato mattina di febbraio, al freddo e al gelo, per arrivare dritti dritti al porto di Genova dove ci aspettava per guidarci in un delizioso b&b tra i caruggi della città vecchia una dolcissima signora genoana doc. Mollati i bagagli, via di corsa all’Acquario – la nana cominciava ad essere veramente impaziente! Come è noto l’Acquario di Genova è il più grande acquario italiano, il secondo in Europa (dopo quello di Valencia), e il nono nel mondo.
È possibile visitare solo l’Acquario oppure abbinarlo ai Percorsi Acquario a pagamento (Foresta dei Colibrì all’interno dell’Acquario, Acquario Village e La Città dei Bambini e dei Ragazzi a fianco alla struttura).
L’acquario con le sue vasche è visitabile in circa 3/4 ore con calma, mezza giornata secondo il nostro itinerario. La piccola nana è rimasta entusiasta: vedere da vicino il mondo di Nemo, gli squali e i pinguini che sfrecciano in acqua, i rettili e i delfini nelle vasche rischiarate dalla luce naturale o da un’illuminazione che simula la luce del giorno risaltandone le forme e i colori è stato veramente suggestivo! Preferirei che gli animali potessero vivere nel loro ambiente naturale ma all’Acquario di Genova l’impressione è stata di una grande cura per il loro benessere.

L’

altra metà della giornata è spendibile o al Museo Galata del Mare o alla Città dei Bambini e dei Ragazzi o a girovagare per le vie strette e tortuose della Genova vecchia, anche perché andare a Genova e non visitare i caruggi è un po’ come andare a Parigi e non andare sulla Tour Eiffel!
Dopo una passeggiata sul molo, da dove si possono ammirare miriadi di barche e imbarcazioni ormeggiate, siamo risaliti per i vicoletti, ci siamo persi per benino tra le viuzze scoscese e i negozietti etnici del centro storico per arrivare in via di Fossatello: ecco, questa è una sosta che consigliamo a tutti! Qui si trova infatti il Baby Bar, un locale dedicato a grandi e piccini, dove i genitori possono gustare in tutta calma il proprio caffè mentre i piccoli giocano immersi nella vasca delle palline colorate o leggono una storia dalla libreria del locale. Per i bimbi hanno delle ottime merendine fatte in casa e una grande varietà di succhi di frutta biologici!
Poi di nuovo via tra i caruggi dove tutto scorre lento e concitato, dove è facile trovare un posto per mangiare pesce (noi consigliamo in una stradina del porto il ristorante Soho, o una delle trattorie tipiche (l’insalata “cotta” e altre prelibatezze genovesi sono un must).

L

a mattina dell’indomani nuova corsa a perdifiato sul molo tra le onde del mare, il vento e le barche per arrivare a La città dei bambini e dei ragazzi, tappa obbligata per chi viaggia con un nano tra gli 0 e i 12 anni! È un posto dove tutto è dedicato alla scoperta, all’incontro tra realtà e fantasia. È divisa in tre spazi: uno per bambini 2/3 anni, un altro 3/5 anni e uno per i più grandicelli, 6/12 anni. Lo spazio per i bambini più piccoli è dedicato alla percezione del proprio corpo, attraverso un percorso, che si snoda all’interno di un bosco, con tana, grotta, anfratto e fiume, passaggi sopra-sotto, casetta costruita con i tronchi d’albero, prato e rocce e stimola sia la parte psicomotoria sia la parte sensoriale del bambino. Lo spazio 3/5 è un vero e proprio cantiere a misura di bambino con tanto di carrucole montacarichi e mattoni; un percorso dedicato all’acqua con acqua corrente da incanalare, riempire e travasare, utilizzando dighe, mulini e secchielli; uno spazio multimediale con specchi concavi e convessi, monitor e touch screen per scoprire come siamo e come possiamo cambiare aspetto alla scoperta di sé e del mondo circostante. Lo spazio 6/12 anni è invece dedicato alla scienza e alle scoperte scientifiche, dove i ragazzi possono fare divertenti esperienze alla scoperta della fisica, della biologia, della comunicazione, della tecnologia e dell’energia. Insomma, un posto dove si può tranquillamente spendere tutta la giornata. Sarà difficile portar via i bambini senza fargli versare qualche lacrimuccia…
Dopo pranzo (si può tranquillamente mangiare o all’interno della struttura o in uno dei posti convenzionati dell’Acquario Village lì a fianco) imbocchiamo la strada di casa: l’unico diversivo per chetare il pianto della nana, che di tornare a casa proprio non ne vuol sapere, è farle vedere il mare. Optiamo quindi per fare un pezzo di autostrada ma di deviare per le Cinque Terre e rientrare a Firenze accompagnati dalla vista del mare.

Contatti:
Acquario di Genova
www.acquariodigenova.it
Quando: aperto tutti i giorni
Quanto: adulti € 25,00, ragazzi (4 – 12 anni) € 15,00, bambini (0 – 3 anni) gratis, ridotto € 21,00
Come: dalla stazione Genova P. Principe a piedi in 10/15 minuti. Bus: n. 1 per Piazza Caricamento. Metropolitana fermata S. Giorgio.

La città dei bambini e dei ragazzi
www.cittadeibambini.net
Quanto: 5 € per gli adulti, 7 € per i ragazzi (3/12 anni), 0/23 mesi gratis, 24/35 mesi 5 €; oppure acquistando un biglietto cumulativo (AcquarioVillage o CittàDeiBambiniAcquario).

Baby Bar
Via di Fossatello, 1 aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 18.00/ sabato dalle ore 8.00 alle ore 19.30. Chiuso la domenica.

B&B Quarto Piano
www.quarto-piano.it


Mariella

 
Sono romana di nascita e toscana di adozione, dopo anni spesi a viaggiare per lavoro e a contatto con persone di altre culture mi sono "fermata" in quel di Scandicci, la nostra heimat, ma continuo a viaggiare con la mia meravigliosa famiglia, facendo la mamma a tempo pieno in attesa che nasca la mia seconda bambina!


  1. Firenze Kids
     
    5

    Appena rientrati dall’acquario di Livorno! E beh… non mischiamo la lana con la seta…




  2. Alessandra Cinque
     
    4

    Sempre più bello! però non dimentichiamo l’acquario di Livorno, più vicino, più economico, più piccolo ma con fauna nostrana. Anche a Livorno si può fare un viaggio emozionante negli abissi, per grandi e piccini.




  3.  
    3
    Mario
     
     
     
     
     

    Non posso che trovare conferme in quanto sapientemente descritto da Mariella a proposito dell’acquario di Genova.
    Vale veramente la pena di visitarlo, a maggior ragione se al nostro seguito ci sono bambini.
    Esperienza sicuramente costruttiva!




  4. Francesco Stella
     
    2
    Francesco Stella
     
     
     
     
     

    Vorrei segnalare un altro posto da aggiungere al programma delle visite a Genova: Matefitness. Non ci sono ancora stato, ma l’ho “conosciuto” molto bene per lavoro attraverso il sito web (www.matefitness.it). Si tratta di una “palestra” della matematica, ricchissimo di offerte didattiche per tutte le età. Anche il sito è pieno di giochini e attività divertenti, che si possono fare se ci si iscrive. Magari qualcuno che c’è stato può raccontare la sua esperienza….




  5.  
    1
    bianca letizia

    Ciao Mariella, come sempre, mi hai veramente incuriosito, la nostra bimba non ha ancora due anni, ma l’Acquario di Genova sarà sicuramente una delle tappe da non perdere!
    grazie mille per i mille consigli.





Rispondi

Mostra
Nascondi